Il sindaco Bianchi: “Lo faceva per gli altri, nella sua musica metteva il cuore”


Il sindaco Bianchi: “Lo faceva per gli altri, nella sua musica metteva il cuore”


 

da L’Informazione di Parma del 21 feb 2006 – pagina 19
(clicca per scaricare il PDF)

 

Il commiato del sindaco

 

Certo di interpretare i sentimenti di tutta l’amministrazione comunale, dell’intera comunità medesanese e di tutti voi presenti così numerosi, esprimo le più sentite condoglianze a Enzo con Dolores, a Mina, a Gilda e alle loro rispettive famiglie per la prematura ed improvvisa scomparsa dell’amico e maestro Romano Gandolfi. Medesano perde uno dei suoi figli più illustri, anzi il più illustre e tanto amato e vive questo momento così doloroso con partecipazione, con commozione e con profonda intensità. La nostra comunità che mi onoro di rappresentare è dunque in lutto perché il maestro Romano era da sempre un tutt’uno con la nostra gente, un grande della musica, un uomo straordinariamente importante che ha sempre mantenuto con le proprie radici un rapporto di profonda semplicità, caratteristica questa degli uomini “veri” ed il maestro Romano era uno di quelli. Una carriera brillantissima costruita giorno per giorno attraverso un forte e costante impegno, tutti i più importanti palcoscenici del mondo calcati da assoluto protagonista; ma appena possibile i ritorni qui, a casa, per respirare quest’aria del suo e del nostro paese, a discorrere con gli amici di sempre delle tante cose del mondo. E per tutti noi, nonostante il successo e la notorietà è rimasto quello di sempre e così lo vogliamo ricordare. Anche in quest’ultimo periodo durante il quale la salute aveva subito qualche battuta d’arresto, la voglia di esserci, di fare, di non mollare mai e soprattutto il desiderio di far qualcosa per gli altri, di donarsi. La forza straordinaria della musica nella quale metteva il cuore, l’anima e la grande passione ha messo in risalto fino in fondo la sua forza ed il suo totale coinvolgimento. Grazie maestro Romano per quello che hai fatto e per come lo hai fatto, come vedi tanta è la gente che oggi con la loro presenza ti ha voluto testimoniare la riconoscenza, l’affetto, la stima e l’amicizia quella che tu hai profuso a piene mani a tutti noi. E nell’eterno spettacolo del Paradiso sono certo che a te spetterà dirigere il Coro degli Angeli. Riposa in pace Maestro Romano e che la terra ti sia lieve.

Roberto Bianchi

(sindaco di Medesano)

Inserisci il tuo COMMENTO

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.


*