Romano Gandolfi, maestro del coro «Verdiano» che amava Wagner


Paolo Isotta, Corriere della Sera: “Gandolfi, maestro del coro «Verdiano» che amava Wagner”

 
Leggi l’articolo dall’Archivio Storico del Corriere della Sera

 

da Corriere della Sera del 19 feb 2006 – pag 43
 

CULTORE DI KARAJAN, FU PER ANNI ALLA SCALA

Addio a Romano Gandolfi maestro del Coro «verdiano» che prediligeva Wagner

 

L’ essere musicisti parmigiani o parmensi comporta una fatalità non necessariamente rispondente al vero e persino gradita da chi ne sia l’oggetto. Romano Gandolfi era nato 72 anni fa a Medesano, appunto presso Parma. Maestro del coro dalla bravura pareggiabile, certo non superabile, veniva come tutti i suoi conterranei considerato un «verdiano» per eccellenza. In ciò è insieme un’ ovvietà e una menzogna. Un direttore di coro teatrale che esercita la sua professione nei più grandi teatri del mondo non può non essere uno specialista di Verdi per la semplice ragione che Verdi rappresenta la base del corrente repertorio. Preparare e poi dirigere durante la successione delle recite i pezzi corali delle sue Opere, solo apparentemente semplici, implica dottrina, autorità, forza fisica e una conoscenza dei segreti tecnici dell’ arte che deriva dalla tradizione e dall’ esperienza personale. Pertanto Romano Gandolfi era un grande maestro di coro verdiano. Ma era, ancor più, un formidabile musicista che la modestia quasi morbosa del carattere celava dietro il commensale, il fumatore, l’ estimatore della femmina. Chi ha avuto il privilegio d’ essere per trent’ anni suo intimo amico ne ha un quadro assai diverso. Al sommo della scala dei valori poneva Wagner. Il suo gusto musicale era toccato per lo più dalle partiture ove abbondano le alchimie armoniche e timbriche: onde era un appassionato cultore dei Francesi e in particolare di Berlioz, Debussy e Ravel. Quest’ ultimo l’ avrebbe abbracciato se avesse inteso le squisitezze timbriche del suo coro, direttore Georges Prêtre, in un indimenticabile Dafni e Cloe alla Scala. Il secondo aspetto del suo gusto erano la conoscenza e la venerazione dei Classici non operisti, da Bach in poi, favorita anche dall’ esser egli un eccellente pianista e un maestro sostituto di quelli leggendarî la scomparsa dei quali rappresenta la principale deficienza nella catena esecutiva, per dir così, del mondo musicale attuale. In quanto maestro sostituto, poi secondo direttore e titolare del Coro al teatro Colòn di Buenos Ayres, uno dei primi del mondo, indi negl’ indimenticabili anni della Scala, egli aveva collaborato con quasi tutti i sommi direttori d’ orchestra. Commovente il suo culto della grandezza musicale. Viveva nell’ adorazione del maestro Karajan; era uno degli acerrimi nemici della routine. Spietato nel giudizio privato sui concertatori, era di lealtà assoluta nel mettere a loro disposizione tutta l’ arte sua nel nome della musica; e taluno forse nemmeno avvertì quanto fondamentale fosse l’ apporto suo a interpretazioni portanti la propria firma. Desiderava imparare: diceva di continuo d’ esser soddisfatto solo quando il direttore d’ orchestra, ascoltato ciò che la compagine eseguiva dopo lo studio sotto di lui, applicasse correzioni e raggiungesse un ulteriore stadio di perfezionamento. Questo significa essere un grande artista. L’ ultima avventura della sua vita è legata all’ Orchestra Sinfonica di Milano («Verdi»: ancora la fatalità…) e al suo Coro: esempio di passione musicale e disinteresse economico del nostro carissimo Romano Gandolfi. Il personaggio

GLI INIZI Gandolfi era nato a Medesano nel ‘ 34. Diplomato con lode al Conservatorio di Parma, diresse la debuttante Maria Callas, iniziò la carriera di maestro del coro che lo portò fino alla Scala di Milano lasciata nell’ 83 per il Liceu di Barcellona

LA CARRIERA Dal ‘ 70 alterna direzione di cori e orchestrale da Rio a Berlino, da Napoli a New York, collaborando con grandi direttori, da von Karajan a Abbado. Nel ‘ 98 ha fondato il Coro Sinfonico di Milano «Verdi» diretto fino allo scorso 8 febbraio, nonostante la malattia

Isotta Paolo

 

Inserisci il tuo COMMENTO

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.


*